Dal mondo

Obama, nel giorno dell’insediamento splenderà la nuova cometa ‘Lulin’

(Adnkronos) – Splendera’ una nuova cometa nel cielo la notte dell’insediamento del presidente eletto degli Stati Uniti, Barack Obama. E’ la cometa Lulin (C/2007 N3) ed e’ visibile nel suo transito tra le stelle della costellazione della Libra. Scoperta l’11 luglio del 2007 e ‘fotografata’ da Chi-Shang Lin dell’Istituto di astronomia della National Central University di Jung-Li di Taiwan, e successivamente segnalata dallo scienziato cinese Quanzhi Ye della Sun Yat-sen University di Guangzhou, Lulin era pero’ stata ritenuta un’asteroide. Solo qualche giorno piu’ tardi, l’americano J. Young del Table Mountain Observatory, in California mostro’ che si trattava di una stella cometa.

Secondo le informazioni degli astronomi, e’ la prima volta che Lulin visita la regione piu’ interna del sistema solare e se, dal 2007 ad oggi, Lulin e’ stata visibile solo attraverso i sofisticati strumenti della scienza, proprio ora, in questo inizio di 2009, e in concomitanza con l’arrivo di Barack Obama alla Casa Bianca, la si potra’ iniziare ad osservare a occhio nudo. E, quando il presidente eletto degli Usa sara’ da un mese stabile inquilino dello studio ovale, Lulin, il 24 febbraio, fara’ grande mostra di se’, passando alla minore distanza dalla Terra, pari a 0,41 unita’ astronomiche.

“Obama si insedia con grandi aspettative proprio nell’Anno Internazionale dell’Astronomia, una scienza sulla quale non mancano altrettante aspettative, come quella di poter scoprire altri pianeti capaci come il nostro di ospitare la vita”, spiega all’ADNKRONOS l’astronomo Leopoldo Benacchio, ordinario dell’Inaf, che, raggiunto telefonicamente a Parigi dove si e’ inaugurato l’Anno Internazionale dedicato alla scienza del cielo, commenta che da “sempre i potenti e gli astronomi hanno avuto forti legami”. Benacchio ricorda che oggi, pero’, e’ solo la regina d’Inghilterra ad avere, come per i re del passato, un astronomo di corte, Lord Martin Reef”. Una cometa ma non solo

La notte dell’insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca, infatti, nella costellazione della Libra dove troneggia la cometa Lulin c’e’ anche la Luna che domani sera stara’ muovendosi, guardando il cielo da Est ad Ovest, verso la luminosa stella alpha della costellazione dello Scorpione. E’ la stella Antares, la stella ‘guerriera’ per gli antichi perche’ rossa come il pianeta Marte, a sua volta rosso e considerato dalla mitologia arcaica latina ‘dio del tuono’ e poi, guerriero e ‘dio della guerra’ a partire dal I secolo a.C..

“Antares e’ una stella enorme e, se non ci fosse il Sole, noi navigheremmo, con Venere, Marte e Giove, come piccoli aggregati dentro questa stella” spiega Andrea Miccoli, astrofilo dell’Uai, l’associazione che riunisce i maggiori esperti italiani non professionisti di astronomia e fondatore dell’Associazione Pontina di Astronomia. “Marte e Antares -sottolinea Miccoli- sono dunque i ‘due guerrieri’ del cielo che si incontrano, ma non si scontrano mai, ogni volta che Marte, circa ogni 2 anni, fa un giro intorno al Sole, fin verso Antares”.

http://www.adnkronos.com/IGN/Esteri/?id=3.0.2920099323

Discussion

Comments are disallowed for this post.

Comments are closed.

Accessi Effettuati

166856

Categorie

Utenti On Line

Gadget personalizzati.